Difficoltà escursionismo

E = itinerario escursionistico privo di difficoltà tecniche.

Sentiero escursionistico, sentiero privo di difficoltà tecniche che corrisponde in gran parte a mulattiere realizzate per scopi agro – silvo – pastorali, militari o sentieri di accesso a rifugi o di collegamento fra valli.
Richiede un equipaggiamento adeguato da montagna, ed una sufficiente capacità di orientamento, un allenamento alla camminata per qualche ora.
È il sentiero maggiormente presente sul territorio, rappresenta il 75% degli itinerari dell’intera rete sentieristica organizzata.

EE = itinerario per escursionisti esperti.

Sentiero che si sviluppa in zone impervie, con passaggi che richiedono all’escursionista una buona conoscenza della montagna, tecnica di base,  un equipaggiamento adeguato alla sicurezza individuale.
Corrisponde generalmente a un itinerario di traversata nella montagna medio alta e può presentare dei tratti attrezzati – sentiero attrezzato – con infissi (funi corrimano e brevi scale) che però non snaturano la continuità del percorso.

EEA = itinerario per escursionisti esperti con attrezzatura.

Vie ferrate o percorsi alpinistici attrezzati, itinerario che conduce l’alpinista su pareti rocciose o su aeree creste e cenge, preventivamente attrezzate con funi o scale, senza le quali il procedere costituirebbe una vera e propria arrampicata.
Richiede adeguata preparazione fisica e tecnica e l’uso di attrezzature per l’autoassicurazione, casco, imbrago, dissipatore, e l’eventuale assicurazione reciproca.

EAI = escursionismo in ambiente innevato.

Itinerari in ambiente innevato che richiedono l’utilizzo di racchette da neve, con percorsi evidenti e riconoscibili, con facili vie d’accesso, di fondo valle o in zone boschive non impervie o su crinali aperti e poco esposti, con dislivelli e difficoltà generalmente contenuti che garantiscono sicurezza di percorribilità.

I commenti sono chiusi.